Castelli Emilia Romagna

Rocca Sanvitale

Circondata dal grande giardino Farnesiano, tornato agli antichi splendori - oggi parco pubblico con accesso libero - la Rocca Sanvitale di Sala Baganza in Emilia era l'antica residenza di caccia dei nobili, e prima ancora ricca di vita intellettuale di corte. Di forma quadrangolare con torri quadrate agli angoli e dongione centrale, la Rocca era concepita più come dimora signorile che come fortilizio.
Edificata nel 1461 per volontà di Stefano Sanvitale, venne trasformata nel corso dei secoli sia nella struttura architettonica che nell'impianto decorativo. Nel 1612 i Farnese confiscarono i beni della famiglia Sanvitale, diventando così i proprietari e signori della Rocca. Durante il XVIII secolo la dimora venne nuovamente trasformata. Fu costruito il giardino potager, alcune sale furono affrescate in stile settecentesco e diventò riserva di caccia: la passione venatoria fu la motivazione che invogliò Maria Amalia d’Asburgo, moglie di Ferdinando di Borbone, a stabilirsi presso la Rocca.

Nell’antica costruzione è oggi visitabile la zona Cinquecentesca, con affreschi di Cesare Baglione , “La sala dell’Eneide” di Ercole Procaccini , “La sala d’Ercole” di Orazio Samacchini. Si possono ammirare, recentemente restaurati, la Cappella Palatina e l'Oratorio settecentesco dell'Assunta che conserva ancora gli arredi originali e una lapide commissionata da Michele Varron e dedicata a Napoleone Bonaparte.

continua a leggere

La Rocca di Sala Baganza oltre alle visite guidate offre la possibilità di ospitare: eventi, festeggiare matrimoni e cerimonie, meeting di lavoro e congressi, concerti e spettacoli, cene e pranzi a tema, mostre d’arte e conferenze.

La Rocca di Sala Baganza fa parte del circuito dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza, Pontremoli.

riduci

Rocca Sanvitale - Rocca Sanvitale di Sala Baganza foto di: Gazzetta di Parma - Libro "I Castelli del Parmense. Sala Baganza"

­ESPERIENZE NEL CASTELLO